News

Vento in poppa per l’energia cooperativa

Il direttore del REV, Rudi Rienzner e il presidente Georg Wunderer.

La terza assemblea ordinaria della Federazione dell’Energia Raiffeisen (REV) ha evidenziato il ruolo che il tema dell’energia rivestirà, nei prossimi anni, anche in Alto Adige. Il presidente Georg Wunderer ha ribadito la sua posizione a favore del decentramento e della sostenibilità del settore energetico.

Secondo Wunderer, l’Alto Adige disporrebbe delle migliori condizioni per una produzione energetica decentralizzata. Già oggi operano in provincia oltre 780 centrali idroelettriche, che contribuiscono per il 27,4 percento al totale dell’energia prodotta localmente. In base ai dettami della politica locale, la quota di fonti rinnovabili nella nostra provincia, calcolata sul totale dei consumi, dovrà essere incrementata al 75 percento entro il 2020. Si tratta di segnali incoraggianti per un approvvigionamento decentrato, come ha rilevato Wunderer.

Ampliata la gamma dei servizi

Negli ultimi dodici mesi, la Federazione dell’Energia Raiffeisen ha lavorato al consolidamento della propria gamma di servizi. Oggi, i suoi soci possono effettuare sia il regolamento dell’energia che tutti gli altri servizi attraverso la Federazione. REV si occupa anche dell’acquisto dell’energia in eccesso per conto dei soci, distribuendo inoltre i cosiddetti “certificati verdi”, spettanti agli utenti di fonti energetiche rinnovabili. Infine, con Raiffeisen Servizi Assicurativi è stato stipulato un pacchetto assicurativo che garantisce particolari condizioni di favore ai gestori di impianti elettrici.

Sviluppare le strutture interne
Robert Nicolussi, direttore del servizio revisioni presso la Federazione delle Cooperative Raiffeisen, ha lodato l’esemplare attività di sviluppo, sollecitando al contempo una crescita delle strutture interne, poiché ancora troppi servizi verrebbero ceduti in “outsourcing”. La Federazione dell’Energia Raiffeisen, costituita nel 2006, è membro della Federazione europea delle aziende energetiche di medie dimensioni e attualmente conta 120 soci.

Il presidente del Consorzio dei comuni Arnold Schuler, il direttore Rudi Rienzner, il responsabile del settore revisioni Robert Nicolussi, l’assessore provinciale Michl Laimer, il consigliere provinciale Josef Noggler e il presidente Georg Wunderer.
vai all'archivio