News

Seminario per sindaci

Michael Obrist, del reparto legale della Federazione Raiffeisen, ha illustrato i compiti degli organi di una cooperativa.

Il mondo delle banche è in fermento. Le disposizioni legislative in continua evoluzione pongono gli organi di vigilanza delle cooperative di fronte a sfide sempre nuove. Per dare una risposta adeguata al crescente fabbisogno informativo dei membri del collegio sindacale, il reparto formazione della Federazione Raiffeisen ha organizzato un seminario ad hoc.

51 membri dei consigli di vigilanza di diverse Casse Raiffeisen altoatesine hanno aderito all’invito e partecipato al seminario “Ruolo e compiti dei sindaci” a Bolzano. Paolo Buccini, responsabile del settore internal audit presso la Federazione Raiffeisen, ha illustrato nei dettagli il sistema di controllo interno di Raiffeisen, facendo luce sulla sua struttura e sui suoi obiettivi primari, mentre Michael Obrist del reparto legale ha presentato le funzioni e i compiti degli organi di una cooperativa.

Compiti importanti
Particolare attenzione è stata rivolta al ruolo del consiglio d’amministrazione e del collegio sindacale e alle particolari disposizioni vigenti per il settore bancario, nonché alle norme a carattere regionale. Il collegio sindacale di una Cassa Raiffeisen esercita l’importante ruolo di “controllore” della legittimità ed efficienza dell’attività della banca.

Il collegio sindacale vigila, in particolare, sui seguenti aspetti:
-    conformità con le disposizioni legislative e statutarie;
-    rispetto dei principi di una corretta amministrazione;
-    adeguatezza e idoneità della struttura organizzativo-amministrativa, della contabilità e del suo funzionamento.

Particolare disciplina regionale
Il collegio sindacale di una Cassa Raiffeisen si compone di tre membri effettivi e due suppletivi, nominati dall’assemblea generale per cinque anni, al termine dei quali il loro mandato può essere rinnovato. Per essere eletti, i sindaci devono soddisfare determinati requisiti d’indipendenza. In Alto Adige, per uniformarsi alla particolare disciplina regionale, devono essere in possesso di un diploma di laurea o d’istituto superiore, nonché di un diploma di scuola superiore quinquennale “a indirizzo tecnico”, scuola commerciale o liceo scientifico.

Normativa statale
Diversamente, a livello nazionale possono ambire alla carica di sindaco solo i revisori contabili, gli avvocati, i commercialisti, i ragionieri e i consulenti del lavoro iscritti nei rispettivi albi. In ogni caso, almeno un membro effettivo e uno suppletivo devono essere revisori contabili iscritti. Inoltre, è previsto che il collegio sindacale sia “l’interlocutore privilegiato della Banca d’Italia” nell’esercizio della sua funzione di controllo e vigilanza.

vai all'archivio