News

Ricevimento stampa: rapporto di fiducia tra media ed economia

Il giornalista dell’ORF Franz Kössler ha tenuto una relazione sul ruolo dei media nella società globalizzata di domani.

In occasione del 50° anniversario, la Federazione Cooperative Raiffeisen ha invitato, giovedì sera, a un ricevimento stampa presso l’Hotel Laurin di Bolzano, editori, caporedattori e giornalisti dei media altoatesini, accolti dalle parole di saluto del presidente Heiner Nicolussi-Leck.

 

“Oggi, la Federazione Cooperative Raiffeisen è una moderna impresa di servizi che può guardare con orgoglio alla sua cinquantennale storia di successi, che trova espressione nel benessere di un’ampia fascia di popolazione”, ha affermato Nicolussi-Leck.

 

Un rapporto corretto tra media ed economia
Il giornalista dell’ORF Franz Kössler, originario di San Paolo, ha tenuto una relazione sul tema: “Il ruolo dei media nella società globalizzata di domani”. Le nuove tecnologie avrebbero innescato una rivoluzione senza pari, che va ben al di là dell’ambito mediatico. “Distanze temporali e spaziali si sono fuse: i media ci consegnano oggi, direttamente nelle nostre abitazioni e in tempo reale, il mondo globale”, ha affermato Kössler. Il giornalista, che ha lavorato a lungo come corrispondente negli USA, ha affrontato anche il rapporto tra media e mondo economico. Proprio quest’ultimo, ai giorni nostri, è al centro di un attento esame per valutarne la credibilità. Per questo, le imprese dovrebbero stabilire un rapporto attivo con i media, per affrontare e superare questa decisiva sfida. Poiché media ed economia perseguono interessi differenti, la collaborazione può funzionare solo se esiste un rapporto di fiducia: ciò implica massima franchezza da parte dei soggetti economici e una gestione corretta e professionale da parte dei media.

 

Lavorare alla propria immagine
Il direttore generale Paul Gasser ha affermato che è necessario continuare a lavorare all’immagine del cooperativismo presso la pubblica opinione, sottolineando il ruolo della stampa e dei media in generale. “Il cooperativismo non può prosperare senza il contributo della stampa e della radio, che informa i cittadini su temi di pubblico interesse, tra cui rientrano anche quelli cooperativistici”, ha affermato Gasser, aggiungendo che è compito della Federazione Raiffeisen curare un buon rapporto di partnership.

 

I 50 anni della Federazione
La Federazione Cooperative Raiffeisen è nata nel 1960 dalla fusione tra la Federazione provinciale delle cooperative agricole altoatesine e la Federazione delle Casse Raiffeisen. Oggi conta 250 collaboratori e 372 consorzi associati con oltre 115.000 soci individuali. In veste di associazione-ombrello, è responsabile della gestione strategica del Sistema Raiffeisen e si occupa di consulenza, assistenza, promozione e revisione delle cooperative aderenti. Il Sistema Raiffeisen presenta un totale complessivo di bilancio di 12 miliardi di euro, con una creazione di plusvalore pari al 10% del PIL altoatesino e offre 7.000 posti di lavoro.

 

Tra gli altri appuntamenti in calendario per il Cinquantenario, a giugno, si terrà una cerimonia presso il Kurhaus di Merano e, a novembre, un convegno scientifico sul cooperativismo presso l’Accademia Europea.

Michael Grüner (presidente della Cassa Centrale Raiffeisen), il giornalista Franz Kössler, Heiner Nicolussi-Leck (presidente della Federazione Raiffeisen), Paul Gasser (direttore generale della Federazione Raiffeisen), il direttore della revisione Robert Nicolussi, Zenone Giacomuzzi (direttore generale della Cassa Centrale Raiffeisen)
vai all'archivio