News

Mutamenti climatici: Una nuova polizza multirischio

Fenomeni climatici imprevedibili: oltre alla grandine, gli agricoltori devono tutelarsi anche da tempesta o gelo.

I mutamenti climatici pongono le società assicuratrici di fronte a nuove sfide. Ormai, non è più solo la grandine a minacciare gli agricoltori, ma anche tempesta e gelo possono mettere a rischio il raccolto. Di conseguenza, la polizza contro i danni da grandine è stata ampliata con alcune nuove garanzie.

Il clima sta diventando sempre più mutevole. “Possiamo osservare un aumento di fenomeni atmosferici estremi, come tempesta, acqua alta e siccità”, ci conferma la biologa agraria Brigitte Engelhard della compagnia tedesca Münchener Rückversicherungsgesellschaft. Per continuare a offrire agli agricoltori un’adeguata protezione del loro raccolto, le assicurazioni stanno rispondendo con nuove garanzie tarate sulle mutate esigenze.

Coperti anche i danni da tempesta
Lo scorso settembre, la Val Venosta è stata colpita da alcune tempeste che hanno danneggiato i meli e sradicato interi filari di alberi sul territorio comunale di Castelbello-Ciardes. “Fortunatamente, già lo scorso anno, la polizza contro la grandine era stata integrata automaticamente con la copertura contro i danni da tempesta”, ci ha raccontato Georg Ausserer di Raiffeisen Servizi Assicurativi (RVD).

Tutelarsi contro il gelo

A partire da quest’anno, è possibile tutelarsi anche contro il gelo. Se, a causa degli inverni miti, la gemmazione e la fioritura dei meli è sempre più anticipata, ogni tanto si registrano forti gelate che danneggiano i germogli.  Quest’anno, per la prima volta, gli agricoltori hanno potuto tutelarsi anche da questo evento. “L’assicurazione contro la grandine sta diventando sempre più una polizza multirischio che risponde adeguatamente alle esigenze dell’agricoltore”, ha spiegato ancora Ausserer.

vai all'archivio