News

“Il Rinascimento del cooperativismo”

Konrad Palla: "Bilancio estremamente positivo."

Konrad Palla, che il 31 dicembre ha lasciato l’incarico di direttore della Federazione Raiffeisen per ritirarsi a meritato riposo, fa un bilancio estremamente positivo per le Cooperative Raiffeisen, nonostante la crisi finanziaria.

Il 2008 giunge al termine: dal suo punto di vista come si è evoluto, nel corso di quest’anno, il cooperativismo di Raiffeisen?
Konrad Palla. Guardando ai mesi trascorsi, possiamo dire che le Cooperative Raiffeisen non sono affatto superate, hanno anzi dimostrato una volta di più le loro capacità. Si potrebbe quasi affermare che il cooperativismo Raiffeisen, nella nostra provincia, stia conoscendo una sorta di Rinascimento.

Da dove nasce questa sua affermazione?
Per quanto riguarda le cooperative agricole, in particolare nei settori della frutticoltura e dell’industria casearia, i prezzi di realizzo hanno raggiunto cifre record. A dire il vero erano già cresciuti anche alla vigilia della crisi, attraverso speculazioni su materie prime come il petrolio o su generi alimentari. Le banche d’affari, notoriamente, operano anche sui mercati delle materie prime. Nel corso dell’anno, nell’industria casearia, i prezzi sono nuovamente precipitati, raggiungendo un livello che non lascia presagire nulla di buono per i prossimi mesi.
È improbabile, tuttavia, che i prezzi della frutta fresca vengano mantenuti così alti, perché il comportamento dei consumatori cambierà e le mele non sono tra gli alimenti di base. Le Casse Raiffeisen, però, nel terremoto della crisi finanziaria mondiale si sono distinte per la loro stabilità, cosa che lascia intuire un possibile “Rinascimento”.

Qual è la situazione delle Casse Raiffeisen?

Le Casse Raiffeisen hanno compiuto una svolta notevole nella politica creditizia, anche grazie all’intervento della Federazione. Al contrario degli anni precedenti, infatti, hanno cercato di arginare l’espansione dell’attività creditizia e di migliorare la liquidità: così, in Alto Adige, il quoziente d’indebitamento è aumentato in misura minore rispetto al passato e, quest’anno, la crescita è rimasta al di sotto del tasso d’inflazione. Per quanto riguarda la raccolta, invece, si potrebbe arrivare anche a un aumento di due cifre: ciò significa che la liquidità è migliorata, un fatto molto significativo considerando la crisi attuale. Di conseguenza, possiamo dirci totalmente soddisfatti dello sviluppo del Sistema Raiffeisen, anche perché la redditività è stata decisamente migliore rispetto allo scorso anno.

Anche quest’anno sono avvenute delle fusioni? Che significato hanno per i singoli membri?

Le fusioni non ledono in nessun modo il principio democratico delle cooperative. Naturalmente, il singolo membro di una cooperativa può avere solo un influsso minimo sulla stessa, come nell’elezione dei consigli di amministrazione e vigilanza o la partecipazione e la votazione durante le assemblee plenarie. Quando le cooperative si fondono in organismi più grandi, ciò avviene in seguito a decisioni prese dalla maggioranza e sono dell’idea che questo processo di fusione non sia ancora concluso. I membri, naturalmente, da queste unioni si aspettano dei vantaggi, che però di solito sono difficilmente misurabili dal singolo.

Come vede il ruolo della Federazione Raiffeisen?

Il ruolo della Federazione Raiffeisen è ben definito, sia dallo statuto che dalle disposizioni di legge. La legge regionale sulle cooperative del 1954 che, tra l’altro, regola la revisione cooperativa e i bilanci di fine anno, è stata di recente completamente rielaborata, per adeguarne i contenuti alle nuove esigenze. Allo stesso modo, sono state rielaborate anche le disposizioni attuative, che entreranno in vigore il 1° gennaio. Per quanto riguarda le sue funzioni fondamentali, la Federazione avvertirà solo cambiamenti minimi.

La crisi finanziaria, nel corso del prossimo anno, avrà ripercussioni negative sul cooperativismo?
Al contrario, tale crisi potrebbe registrare perfino effetti positivi, poiché è proprio in tempi difficili che l’unità e la solidarietà delle cooperative “mettono le ali”. Le Casse Raiffeisen, ad esempio, essendo tra le banche più stabili conosceranno una maggiore credibilità.

Intervista a cura di Stefan Nicolini

vai all'archivio