News

Ampliata la Cassa Raiffeisen di Terlano

Taglio del nastro: il Direttore della Federazione Palla, l’Assessore Provinciale Mussner, il Presidente Carl von Eyrl, il Presidente della Federazione Heiner Nicolussi-Leck e il Sindaco Klaus Runer.

In soli 6 mesi, la Cassa Raiffeisen di Terlano ha ampliato e riorganizzato la sua sede nella piazza del paese: ora, l’edificio pentagonale è alimentato ad energia ecologica.

A inizio di novembre, nell’ambito di solenni festeggiamenti, è stato presentato al pubblico l’edificio della Cassa Raiffeisen, sua sede dal 1964, nella rinnovata veste, che il Presidente Carl von Eyrl ha definito “rappresentativa”. “Abbiamo previsto una suddivisione ottimale degli spazi, orientandola sulle attività di consulenza”, ha rivelato il Direttore Hans Höller.

Sportello drive-in
L’intero piano terra della Cassa Raiffeisen pentagonale è stato adattato alle tradizionali operazioni bancarie, cui si aggiunge anche un servizio particolare dedicato a soci e clienti: il cosiddetto sportello drive-in, il secondo di questo tipo in Alto Adige. Quest’innovazione permette di utilizzare il bancomat e la cassa continua, posti sul lato frontale della banca, senza scendere dall’auto.

Energia dalla terra
“Abbiamo rinunciato al riscaldamento convenzionale con combustibili fossili”, ha riferito l’architetto Sylvia Polzhofer. Un pozzo geotermico rifornisce le pompe di calore per il riscaldamento e il raffreddamento, mentre un impianto fotovoltaico garantisce il 15-20% dell’energia elettrica necessaria. La coibentazione esterna e del tetto e l’invetratura a isolamento termico fanno rientrare l’edificio nella classificazione di CasaClima B.

Numerosi ospiti d’onore
Al momento dell’inaugurazione, il decano Josef Leiter ha benedetto i nuovi locali. Tra i numerosi ospiti d’onore, erano presenti anche il Sindaco Klaus Runer, l’Assessore Provinciale Florian Mussner, il Presidente della Federazione Raiffeisen Heiner Nicolussi-Leck, il suo Vice Florian Murr e il Direttore Konrad Palla, il Presidente della Cassa Centrale Michael Grüner e il Vicedirettore Zenone Giacomuzzi.

vai all'archivio