Friedrich Wilhelm Raiffeisen e le sue idee

F.W. Raiffeisen nasce il 30 marzo 1818 a Hamm an der Sieg, nell’area di Westerwald, a nord di Coblenza. Nell’inverno 1846/47, dopo un cattivo raccolto, si registra una grave carestia che non risparmia neppure la popolazione rurale. In veste di sindaco di Weyerbusch, Raiffeisen fonda una “Brodverein” (associazione del pane) che, attraverso l’acquisto collettivo, riesce a procurare agli agricoltori sementi a buon prezzo, assicurando così la loro sopravvivenza.

Cassa di solidarietà

Questo successo spinge F.W. Raiffeisen alla costituzione di altre associazioni fondate sul principio dell’autoaiuto. Grazie alla creazione di una “Hülfskasse” (Cassa di solidarietà), è così in grado di contrastare il potere degli usurai, che avevano indotto molti agricoltori ad indebitarsi in maniera eccessiva, spingendoli sul lastrico dopo aver svenduto all’asta i propri beni. Attraverso l’associazione, numerosi contadini possono riacquistare il bestiame che avevano dato in pegno agli strozzini.

Casse sociali di credito

Nella sua opera “Le Casse sociali di credito”, pubblicata nel 1866, Raiffeisen espone i tratti fondamentali del suo pensiero solidaristico. La sua intera azione è volta a mitigare le difficoltà della popolazione rurale, a creare nuovi posti di lavoro per i disoccupati e ad accrescere il livello culturale della popolazione, ad esempio, attraverso l’istituzione di biblioteche popolari, rafforzando così il ceto medio.

Alla sua morte, avvenuta l’11 marzo 1888, le basi per un solido sviluppo dell’idea cooperativistica
erano oramai gettate.